"Nonostante la Brexit, le politiche di Coesione non si toccano"

27 marzo 2018

Il Ministro al convegno della Regione Emilia Romagna sul dopo 2020

"Nonostante la Brexit, le politiche di coesione devono restare in cima al programma dell'Europa e quindi nel prossimo bilancio UE le risorse per la coesione non devono diminuire. Tanto per essere chiari, il Governo italiano ritiene inaccettabile sia lo scenario in cui la riduzione è tale che restano Fondi strutturali solo per i Paesi dell'Est sia lo scenario che lascia fondi solo alle regioni meno sviluppate. Le risorse devono essere tali che tutte le regioni europee possano usufruire dei Fondi strutturali, naturalmente in misura diversa a seconda della situazione economica e sociale in cui ognuna di esse si trova. Questa è la linea che il 12 aprile porterò a Lussemburgo, al Consiglio europeo dedicato alla coesione". Lo ha detto il Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti nel suo intervento al convegno internazionale organizzato a Bologna dalla Regione Emilia Romagna proprio sul tema "La politica di coesione per il futuro dell'Europa".

Dopo aver detto no anche allo scorporo del Fondo sociale europeo dall'insieme dei fondi strutturali - "politiche di investimento e politiche di inclusione si integrano tra loro" - De Vincenti - nel ricordare la clamorosa rimonta effettuata dall'Italia nell'impiego di tutte le risorse destinate dalla precedente programmazione- ha sottolineato il ruolo attivo che i Governi degli Stati membri devono avere nel sostenere e anche stimolare le regioni a dare concretezza alle politiche di coesione e a utilizzare pienamente i fondi.

"Si cresce tutti insieme, non gli uni contro gli altri - ha concluso il Ministro - Ci attendono anni difficili, l'Europa e' attraversata da pulsioni pericolose. Siamo ad un passaggio cruciale. Ma questo è esattamente il momento di far valere i principi fondatori dell'Europa, l'attenzione ai suoi figli e ai loro bisogni reali, primo fra tutti il diritto dei giovani ad avere un futuro".

Fondi europei , Emilia Romagna
Torna all'inizio del contenuto